lunedì 2 gennaio 2017

Palazzo Clerici

Palazzo Clerici è un palazzo di Milano che visto dall'esterno passa inosservato ma che all'interno custodisce un vero tesoro. Nel Settecento, durante il passaggio dal barocco al neoclassico, Milano visse un'epoca di rinascenza. La dominazione austriaca teneva in gran conto la nobiltà locale, alla quale spesso affidava la politica interna di Milano, e i Clerici ne approfittarono per consolidare la propria influenza. 
Nel 1741 il marchese Clerici affidò a Giovanbattista Tiepolo l'incarico di decorare la volta della galleria di rappresentanza del Palazzo, la cosiddetta Galleria del Tiepolo.


Nel 1768, alla morte del marchese, il patrimonio della famiglia era praticamente in rosso. Il Palazzo, passò quindi a Francesco Clerici, membro di un ramo collaterale della casata, che nel 1772 lo affittò all'arciduca Ferdinando d'Austria, il fratello di Maria Antonietta che era governatore di Milano, e alla moglie Beatrice d'Este. Gli arciduchi vi rimasero fino al momento in cui si trasferirono a Palazzo Reale e in questo arco di tempo il palazzo subì delle modifiche interne; alcune stanze, come il Boudoir e la camera da letto di Maria Teresa, testimoniano il passaggio dell'arciduca. 











Nessun commento:

Posta un commento