giovedì 24 novembre 2016

Josef Hauzinger

Questo dipinto, opera di Josef Hauzinger, rappresenta l'arciduca Massimiliano Francesco, il fratello minore di Maria Antonietta, ricevuto dalla sorella e dal cognato Luigi XVI nel febbraio del 1775.
L'opera, postuma all'avvenimento, fu realizzata nel 1778 su commissione di Maria Teresa per la residenza di Schloss Hof.

Situato ad est di Vienna sulla Morava, alla frontiera con l'Ungheria (oggi con la Slovacchia), Schloss Hof apparteneva un tempo al principe Eugenio di Savoia. Acquistato nel 1755 da Maria Teresa per il consorte, l'imperatore Francesco Stefano, il castello divenne proprietà privata di Maria Teresa quando rimase vedova. Nel 1773 Schloss Hof subì dei lavori per potervi ospitare la sovrana che scelse un appartamento comprendente quattro vani principali e tre secondari. In una di queste stanze, l'imperatrice volle riunire, nel 1776, dei ritratti di famiglia rappresentanti i figli regnanti in Italia con le loro rispettive famiglie: Pietro Leopoldo, Ferdinando, Maria Carolina e Maria Amalia.
In virtù di un concorso organizzato dall'Accademia di belle arti, questi ritratti furono realizzati da quattro pittori differenti. tra cui Josef Hauzinger, pittore di camera della corte imperiale e professore di pittura storica all'Accademia di belle arti di Vienna. Due anni più tardi Hauzinger fu di nuovo incaricato di eseguire sempre per Schloss Hof altri due dipinti: il primo rappresentante l'imperatore Giuseppe II con le sue sorelle rimaste nubili, Maria Anna e Maria Elisabetta, e il secondo rappresentante appunto l'arciduca Massimiliano, gran maestro dell'ordine Teutonico, principe elettore e arcivescovo di Colonia, ricevuto da Maria Antonietta e Luigi XVI, in occasione di un viaggio che l'arciduca fece a partire dal 1774 nei Paesi Bassi austriaci e in Francia.


La stanza di Schloss Hof  in cui è esposto il dipinto. Alla parete una riproduzione dell'abito indossato dalla regina nel quadro.
Il dipinto fu trasferito nel 1898 al castello di Eckartsau proprietà degli Asburgo fino al 1918. Solo di recente il quadro ha ritrovato la sua collocazione originaria. 
Per ritrarre la regina, il pittore, non avendo a disposizione Maria Antonietta, richiese espressamente come modella una delle sue sorelle. Non è dato sapere chi delle tre presenti a corte, se Anna, Elisabetta o Cristina. Quest'ultima anche se sposata, era praticamente sempre vicino alla madre e probabilmente fu proprio quella alla quale furono richieste le sedute. Secondo infatti una dama di Maria Teresa che aveva avuto modo di rivedere Maria Antonietta, Cristina era in quel periodo la sorella che più le somigliava. Scrive infatti Maria Teresa a Maria Antonietta: "Vedendo entrare la Marie, ella è rimasta assai colpita dalla sua somiglianza con voi; stento a crederlo, sia per come vi ricordo al momento della vostra partenza sia per i vostri ritratti."
Inizialmente Hauzinger aveva in mente una diversa disposizione per quanto riguarda i protagonisti di questo dipinto. A testimonianza di ciò, esiste un disegno preparatorio conservato a Vienna presso gli l'Archivi della Biblioteca Nazionale Austriaca. 
Disegno preparatorio di Josef Hauzinger
Qui in basso delle foto scattate nel 2010 al castello di Halbthurn. Sia il dipinto che la ricostruzione dell'abito di Maria Antonietta erano esposti per una mostra:



Link correlati:


Nessun commento:

Posta un commento